Monitoraggio ISS 21 gennaio, Rt scende a 1.31: incidenza supera quota 2.000

·1 minuto per la lettura
monitoraggio gimbe contagi ricoveri
monitoraggio gimbe contagi ricoveri

Stando ai dati contenuti nella bozza del monitoraggio dell’ISS di venerdì 21 gennaio 2022, l’indice Rt calcolato sui casi sintomatici a livello nazionale è diminuito e ha raggiunto quota 1.31 (la settimana precedente era pari a 1.56), certificando ufficialmente un rallentamento dell’epidemia. Incrementata invece l’incidenza dei casi ogni 100 mila abitanti, che da 1.988 è passata a 2.011. Da lunedì dovrebbero passare in zona arancione Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia, ma si attende la conferma ufficiale con le ordinanze.

Monitoraggio ISS 21 gennaio 2022

Il report ha evidenziato che, nel periodo compreso tra il 22 dicembre e il 4 gennaio, è sceso anche l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (1,01). Gli esperti hanno però reso noto che diverse Regioni hanno segnalato problemi nell’invio dei dati del flusso individuale, motivo per cui non si può escludere una sottostima dei valori. Per la prima volta dopo diverse settimana, è in discesa il tasso di occupazione delle terapia intensiva (17,3% contro il 17,5% del 14 gennaio) mentre quello delle aree mediche è salito dal 27,1% al 31,6%.

Monitoraggio ISS 21 gennaio 2022: i dati

Oltre all’incidenza, aumentata di poche unità rispetto ai raddoppi delle settimane precedenti, rimane stabile anche il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (658.168 vs 649.489 del periodo precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggero aumento (15% vs 13%) così come la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 39%). Diminuita invece quella di contati rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (41% vs 48%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli