Quali potrebbero essere i nuovi colori delle regioni da lunedì

·2 minuto per la lettura
Monitoraggio ISS nuovi colori regioni
Monitoraggio ISS nuovi colori regioni

Con il nuovo monitoraggio settimanale dell’ISS, gli esperti hanno confermato che l’indice di contagio Rt è nuovamente sceso a 0.92 (venerdì scorso era pari a 0.98). Secondo quanto emerge dai dati sembrerebbe che la maggior parte delle regioni attualmente in zona rossa abbia i parametri per passare a quella arancione a partire da lunedì 12 aprile.

Monitoraggio ISS: nuovi colori regioni

Attualmente sono in lockdown Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Valle d’Aosta. Tutte tranne Campania, Valle d’Aosta e Puglia avrebbero dei numeri da zona arancione e da settimana prossima potrebbero cambiare colore riaprendo negozi, parrucchieri, centri estetici e consentendo liberi spostamenti all’interno del Comune.

Mentre si attende la firma definitiva dell’ordinanza da parte del ministro Speranza, sarebbero quindi sei le regioni che sperano nel passaggio in arancione: Lombardia, Emilia-Romagna, Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Toscana. Già ieri il governatore lombardo Attilio Fontana aveva annunciato di aver chiesto alla cabina di regia la possibilità di cambiare colore. L’emiliano Stefano Bonaccini non aveva escluso la possibilità di allentare le restrizioni e il piemontese Alberto Cirio aveva affermato che “i dati settimanali confermano un progressivo miglioramento, siamo fiduciosi di poter ritornare arancioni già dalla prossima settimana“. Passerebbe invece in zona rossa la Sardegna.

Tra le regioni attualmente in zona arancione ce ne sono alcune che avrebbero i dati da zona gialla e una che andrebbe verso la zona bianca. Si tratta dell’Umbria che, dopo mesi di restrizioni e lockdown, avrebbe un‘incidenza che si avvicina ai 50 casi ogni 100 mila abitanti, vale a dire la soglia che fa scattare la fascia meno restrittiva. L’indice di contagio è sceso a 0,71 e anche la pressione sugli ospedali è in calo.