Monitoraggio, quali regioni hanno cambiato colore?

·3 minuto per la lettura
Monitoraggio ISS 30 aprile
Monitoraggio ISS 30 aprile

Stando al monitoraggio settimanale dell’ISS di venerdì 30 aprile l’indice di contagio Rt è salito lievemente a 0.85 (da 0.81). Si tratta del primo aumento dopo settimane di costante diminuzione. Intanto, il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza in merito ai nuovi colori delle regioni che scatteranno a partire da lunedì 3 maggio: rispetto alla settimana trascorsa gli unici cambiamenti di rilievo sono quelli della Valle d’Aosta, che passa in zona rossa, e della Sardegna che invece ritorna in zona arancione.

Monitoraggio ISS 30 aprile: le regioni gialle

La maggior parte delle regioni gialle ha infatti ottenuto la conferma del colore. Il Lazio, pur con un Rt salito da 0,78 a 0,85, ha un’incidenza di 139 casi ogni 100 mila abitanti ed è dunque rimasto nella fascia gialla. Anche in Liguria l’indice di contagio oscilla tra 0,85 e 0,86, le terapie intensive occupate sono sotto il 30%, e le ospedalizzazioni sono sotto il 40%. Quanto al Veneto, l’indice Rt è pari a 0,86 e l’incidenza a 129. Parametri che il governatore Zaia ha così commentato: “Ricordo che ora con l’Rt a 1 si va in arancione in automatico. Dipende, perciò, tutto da noi rimanere in giallo“.

In Piemonte la situazione legata all’epidemia è in miglioramento e si registra un’ulteriore riduzione dei casi segnalati. In particolare la percentuale di positività dei tamponi è scesa dal 9% all’8% e si è ridotto il numero dei focolai attivi, dei nuovi e del numero di persone non collegabili a catene di trasmissione note. Dopo settimane il tasso di occupazione dell’area medica è inoltre tornato nel valore di soglia del 40%, mentre resta ancora alto, pur ridotto del 7%, quello dei posti letto in terapia intensiva (38%). L’indice Rt è salito a 0,78 ma rimane comunque nettamente sotto il valore di 1 per la quinta settimana consecutiva.

Quanto all’Abruzzo, l’indice di contagio è sceso dallo 0,84 della precedente settimana allo 0,78. In calo anche l’occupazione dei posti letto in ospedale, sempre più vicina alla percentuale del 20%.

Monitoraggio ISS 30 aprile: cambi di colore

Se tutte le regioni gialle hanno mantenuto il loro colore, non è stato così per quelle rosse e arancioni. La Sardegna ha infatti lasciato la zona rossa dove è invece entrata la Valle d’Aosta. Fino all’ultimo ha inoltre oscillato tra un colore e l’altro anche la Puglia, che però è alla fine rimasta in zona arancione assieme ad altre quattro regioni (Calabria, Sicilia, Basilicata e la Sardegna).

Monitoraggio ISS 30 aprile: la mappa dei colori

Con la firma dell’ordinanza da parte del ministro Speranza, l’Italia sarà così suddivisa a partire da lunedì 3 maggio:

  • zona gialla: Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Marche, Piemonte, Bolzano, Trento, Toscana, Umbria e Veneto;

  • zona arancione: Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Puglia;

  • zona rossa: Valle d’Aosta.