Monsignor Antonio Suetta ricorda che va fatta una distinzione fra sovversivi e migranti

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron

Il Vescovo di Ventimiglia accusa Emmanuel Macron di “scarsa umanità” e monsignor Antonio Suetta ricorda che va fatta una distinzione fra sovversivi e migranti, anche da parte della Francia che sospese Schngen per ragioni di terrorismo. Il vescovo di Ventimiglia-Sanremo ha definito “la reazione della Francia, come detto da più parti, spropositata anche perché la Francia non ha grandi ragioni da proporre“.

Il vescovo di Ventimiglia accusa Macron

Le parole dell’alto prelato sono state riportate da Adnkronos e Suetta commenta la crisi Parigi-Roma. Ha detto Suetta di Macron: “Naturalmente è uno degli interlocutori che legittimamente può dire la sua parola come altrettanto doverosamente deve assumere gli oneri”. Però per il vescovo quello della Francia è “un atteggiamento, da un punto di vista dei migranti, non improntato ad umanità e, dal punto di vista della solidarietà europea, sia un atteggiamento poco leale“.

La Francia che sospese Schengen per terrorismo

E ancora: “La Francia ha sospeso Schengen anni fa con la ragione valida del terrorismo, ma queste ragioni devono però essere contemperate con la situazione generale”. Poi ha chiosato il vescovo: “Quindi bisogna distinguere – e certamente uno stato come la Francia ha la possibilità di farlo – tra il sovversivo e il povero migrante. In secondo luogo la Francia deve attivare una collaborazione leale con l’Italia“.