Montagna: Bergamo, giovane muore precipitando per 80 metri

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 20 ago. (Adnkronos) – Un giovane alpinista di 25 anni di Parma, D.C. le iniziali, è morto precipitando ieri sul Pizzo Coca, in Val Bondione, in provincia di Bergamo. Il Soccorso alpino, VI Delegazione orobica, è stato allertato ieri sera intorno alle 19 per il mancato rientro. Sono subito partite le squadre e dalla base di Caiolo (Sondrio) è decollato l’elisoccorso di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) che ha tentato un primo avvicinamento, impedito però dalla nebbia fitta.

Circa mezz’ora dopo è arrivato l’elicottero di Brescia, che ha effettuato un sorvolo ma con esito negativo. Allora il mezzo ha portato in quota le squadre territoriali della stazione di Valbondione, una sulla cima del Pizzo Coca e l’altra in una piazzola più in basso. Intorno alle 23, spiega una nota del Soccorso alpino, "è stato sentito il suono del telefonino del ragazzo e quindi i tecnici si sono calati lungo un canale molto impervio per diverse decine di metri e hanno avvistato il corpo del giovane, che si trovava a un’ottantina di metri al di sotto. Le condizioni però rendevano impossibile avvicinarsi fino al punto in cui si trovava".

Il corpo del giovane di Parma è stato recuperato solo nel tardo pomeriggio dall’elisoccorso di Bergamo di Areu, grazie al miglioramento delle condizioni meteorologiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli