Montagna: Confortola rinuncia a conquista 13mo '8.000', 'prima di tutto la sicurezza'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 20 lug. (Adnkronos) – "Prima di tutto la sicurezza, la vita e poi tutto il resto. Da uomo di montagna, guida alpina e tecnico elisoccorso Areu, il messaggio che vorrei far passare è proprio questo. La montagna va vissuta in sicurezza e con tanto buon senso, inutile sfidare la montagna e morire. Nella vita bisogna sapersi fermare. Un guerriero che torna vivo da una battaglia è buono per tornare a combattere". Lo scrive Marco Confortola, alpinista di fama internazionale, guida di montagna e formatore, in una lettera inviata al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che il governatore ha pubblicato su Facebook.

Rivolgendosi a Fontana, Confortola accompagna il testo della lettera con una immagine, spiegando che quella ritratta nella foto "è la bandiera che ho preparato con le mie mani dove ho unito le tre bandiere di Regione Lombardia, dell'Italia e del Pakistan. L'avrei portata in vetta al mio tredicesimo ottomila, ma l'innalzamento delle temperature e la pericolosità della montagna mi ha fatto purtroppo rinunciare". E sottolinea: "Mio nonno, morto a più di novant'anni, mi ha sempre insegnato che un buon alpinista deve morire da vecchio nel proprio letto. Se non avessi messo per prima la sicurezza, non sarei riuscito a scalare ben 12 ottomila senza ossigeno", concludendo con: "Viva la montagna, viva la Lombardia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli