Montante dai domiciliari al carcere, giallo su fabbrica

Huffington Post

"Scusate, la fabbrica di biciclette fondata da Calogero Montante, fra le due guerre mondiali, dove si trova?". Gli anziani seduti su una panchina, nella piazza principale del paese, si guardano in faccia. "A Serradifalco non è mai esistita", dice Salvatore, 90 anni. E la squadra di ciclisti Montante? "A Serradifalco? Non ne so nulla, in quegli anni c'erano 10-15 biciclette in tutto", risponde l'anziano che ha lavorato una vita in miniera. Siamo a sud di Caltanissetta, nella cittadina di 6mila abitanti nel centro della Sicilia, da dove secondo Antonio Calogero Montante (detto Antonello), l'ex responsabile legalità di Confindustria arrestato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in una inchiesta della Dda nissena, sarebbe cominciata l'avventura sul mercato della produzione di biciclette di lusso della "Montante cicli".

Montante proprio oggi è stato rinchiuso nel carcere Malaspina; il gip ha inasprito la misura dei domiciliari perché avrebbe tentato di inquinare le prove a suo carico. In occasione del suo arresto avrebbe, tra l'altro, "distrutto documenti e circa ventiquattro pen drive", e poi avrebbe violato le prescrizioni dei domiciliari consentendo l'accesso nella sua villa a persone non autorizzate.

La storia delle biciclette è raccontata nel sito web dell'azienda Montante, dove vengono rievocati il primo Giro d'Italia che passò per le strade dell'isola e la grande passione del nonno, che si chiamava Calogero come il nipote, per le due ruote, che poi cominciò a produrre vendendole anche alle case reali e all'Arma dei carabinieri. Un successo imprenditoriale familiare, racconta l'ex numero uno di Sicindustria, che sfocerà nella creazione della Msa con due capannoni nella periferia del paese e sede ad Asti in Piemonte, che attraverso i suoi marchi produce ammortizzatori venduti in tutto il mondo. A divulgare l'epopea del nonno di Montante, classe 1908, ha contribuito anche il libro "La volata di Calò" dello scrittore e giornalista...

Continua a leggere su HuffPost