Montesano cacciato da Ballando, parla l'agente: "Ecco perché indossa t-shirt"

Montesano cacciato Ballando agente
Montesano cacciato Ballando agente

L’agente di Enrico Montesano, Settimio Colangelo, ha rotto il silenzio sulla cacciata da Ballando con le Stelle. Ad essere incriminata è la maglia con il logo della Decima Mas, formazione militare che ha combattuto per il Terzo Reich.

Montesano cacciato da Ballando: parla l’agente

Intervistato da Fanpage, l’agente di Enrico Montesano ha parlato della sua cacciata da Ballando con le Stelle. Settimio Colangelo e il suo assistito sono estremamente dispiaciuti per quanto successo e parlano di una “leggerezza” punita in modo eccessivo. Ha dichiarato:

“La cosa da dire è questa: Enrico ha sicuramente sbagliato a indossare quella maglietta ma si tratta di una maglietta messa come tante altre. (…) Durante le prove, lui è solito cambiare la maglietta quattro o cinque volte. Ha sicuramente sbagliato a indossarla ma non lo si può per questo tacciare di essere fascista. È terribile dare del fascista a Enrico per avere indossato una maglietta che può avere mille significati. Dipende con quale occhio la si vuole guardare”.

L’agente: Montesano è un collezionista di maglie

L’agente di Montesano ha spiegato che Enrico è un collezionista di maglie e ha indossato quella con il logo Decima Mas senza farci caso. Il borsone per recarsi alla sala prove di Ballando con le Stelle l’ha preparato la sua domestica, per cui l’attore non sapeva che ci fosse anche quella t-shirt. Come se non bastasse, suda molto, per cui cambia quattro/cinque maglie per ogni sessione di allenamento. Quella di Decima Mas era l’ultima che gli restava a disposizione e non ha avuto altra scelta che indossarla. In quel momento, però, non ha pensato che potesse scatenarsi l’inferno. L’agente ha dichiarato:

“Enrico non è fascista. Vuole incontrare il presidente ANPI proprio per chiarirlo ed esporre le sue idee. Da democratico. (…) Non è bello non sia stato dato il diritto di replica a un attore come Enrico. Ritengo sia stata presa una decisione troppo affrettata. Magari si sarebbe potuto approfittarne per spiegare che cosa rappresenta questo simbolo, fare un po’ di cultura e chiedere scusa, come ha già fatto più volte lui su Facebook”.

Montesano: la maglia è una svista voluta dalla Rai?

Considerando che la Rai ha visionato le immagini prima di mandarle in onda, come mai non si è resa conto della maglia? L’agente e lo stesso Montesano hanno un’idea piuttosto chiara:

“Non lo so (chi abbia visionato le immagini, ndr) ma mi meraviglia, e anche Enrico non riesce a capire, il fatto che su sei o sette ore di girato in sala prove sia stato trasmesso quel pezzetto finale proprio con quella maglietta. È stata una casualità? Speriamo di sì, non vogliamo pensare male ma arrivati a questo punto anche Enrico pensa male. Ed è anche giusto. Così come si pensa di lui che abbia fatto apposta a indossare la maglietta, allora anche Enrico può pensare che qualcuno l’abbia fatto apposta (a trasmetterla, ndr). È stata una svista? Ok, ma perché per loro va bene sia stata una svista ed Enrico invece deve essere martoriato?”.

Al momento, Milly Carlucci e lo staff di Ballando con le Stelle non hanno replicato alle accuse.