Monti: niente crescita fino al 2013. Via libera a Def e piano di riforme

Roma, 18 apr. (Adnkronos/Ign) - Il Consiglio dei ministri ha approvato il Documento di Economia e Finanza (Def) 2012 - il secondo presentato dall'Italia nel quadro del ''Semestre Europeo'' di coordinamento delle politiche macroeconomiche e di bilancio - di cui fanno parte il Programma Nazionale di Riforma 2012 (PNR), il Programma di Stabilità (PdS) e il Documento di analisi e tendenze della finanza pubblica. E' quanto si legge nel comunicato di Palazzo Chigi.

Il Def prevede che il debito pubblico - al netto dei prestiti diretti alla Grecia e della quota di pertinenza al Efsf e al capitale del Esm - scenderà dal 120,3% nel 2012 al 110,8% nel 2015. Il governo stima che il Pil nel 2012 si contrarrà di 1,2% per tornare positivo nel 2013 (+0,5%) e accelerare ulteriormente nel biennio successivo (1,0 e 1,2 rispettivamente). Nel 2013, spiega il comunicato di Palazzo Chigi, l'Italia dovrebbe raggiungere una posizione di bilancio in valore nominale di -0,5% del Prodotto interno lordo.

''Sul piano interno la crescita non tornerà fino al 2013'' è l'indicazione arrivata dal premier Mario Monti nella relazione che ha accompagnato la bozza del Def. ''Il disagio occupazionale tocca direttamente o indirettamente quasi la metà delle famiglie italiane. E' necessario agire con determinazione per completare la sequenza di riforme e mettere il Paese in grado di ripartire contribuendo attivamente a far tornare la ripresa economica", scrive Monti. Nella relazione si legge inoltre che ''in futuro i proventi della lotta all'evasione fiscale dovranno essere utilizzati anche per ridurre le aliquote fiscali''. Quanto alla crisi, Monti ha spiegato che se finora ''è stato evitato uno shock distruttivo'', adesso "non è possibile aspettare che la tempesta passi e la parentesi si chiuda". Perché "la crisi che viviamo dal 2008 può avere un impatto duraturo''.

Poi, nel corso della conferenza stampa, il premier ha sottolineato: ''Vediamo ogni giorno gli effetti drammatici di crisi che si prolunga da quattro anni, che sta imponendo un prezzo altissimo alle famiglie, ai giovani, ai lavoratori e alle imprese che chiudono''. ''Qualche volta - ha aggiunto Monti - alcune vite che si chiudono nella disperazione''.

Il raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2013 è "una meta ambiziosa" ha detto il presidente del Consiglio nel corso del suo intervento. "Siamo un governo breve chiamato a svolgere un compito lunghissimo" e "se le forze politiche che sostengono il governo, con grande senso di responsabilità, dovessero condividere questa piattaforma triennale e farla propria, in tutto o in parte - sono state le parole di Monti - sarebbe un punto importante e una leva di fiducia nel lungo periodo nei confronti dell'Italia".

Il professore ha quindi evidenziato che "il compito di questo ristabilimento di un'Italia capace di crescere è appena cominciato. Abbiamo voluto evitare, e ci battiamo ogni giorno per continuare ad evitare, un drammatico destino come quello della Grecia".

In conferenza stampa il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, ha detto che il governo sta mettendo in campo ''opere per 70-80 miliardi, per un investimento annuo pari al 20%'' e che dalle banche è arrivata la disponibilità ad anticipare miliardi di debiti della P.a. Nei prossimi giorni ''incontreremo il sistema bancario, siamo convinti che ci sia una disponibilità per anticipare qualcosa intorno ai 20-30 miliardi'' ha affermato Passera.

Quanto ai carburanti, ''è verosimile che quando si parlerà di sgravi si valuterà se tornare parzialmente indietro'' rispetto all'incremento delle accise. Passera ha parlato anche dell'emendamento che introduce l'asta per le frequenze. ''E' stato per parecchie ore a disposizione di tutti e poi consegnato in commissione Finanze. La chiarificazione nel testo non impedisce in alcun modo di partecipare alla gara'' ha precisato il ministro per lo Sviluppo economico.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno