Monza, botte e bacchettate a alunni: indagati 2 maestri senegalesi

Red-Alp

Milano, 20 gen. (askanews) - Questa mattina i carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di due cittadini senegalesi accusati, in concorso, di maltrattamenti ai danni di una decina di minori, che frequentano l'associazione culturale islamica "Norou Dareyni Touba" di Monza. Il provvedimento è stato emesso dal gip del locale tribunale su richiesta della procura di Monza che ha coordinato l'indagine, scattata nel maggio scorso dopo una segnalazione del Servizio tutela minori di Seregno (Monza).

Secondo quanto riferito dall'Arma, le indagini avrebbero consentito "di documentare le responsabilità dei due insegnanti presso quel centro, che, in più occasioni avrebbero ripetutamente maltrattato almeno una decina di minori (tra i 5 e i 10 anni), affidati a loro temporaneamente per essere istruiti". I maltrattamenti, consistiti in minacce, schiaffi, percosse con bacchette e anche chiudendo le vittime in uno stanzino, sarebbero stati giustificati con lo scarso impegno dei minori negli studi" hanno spiegato i militari, aggiungendo che "i due cittadini senegalesi sono stati sottoposti, rispettivamente, agli arresti domiciliari e all'obbligo di firma in caserma. La sede dell'associazione è stata chiusa".