Monza, muore dopo una trasfusione: sacche di sangue scambiate per omonimia

Monza, donna muore dopo trasfusione

Una donna è morta all’ospedale di Vimercate, in provincia di Monza-Brianza, dopo una trasfusione di sangue. Pare che a causare il decesso della paziente sia stato un tragico errore degli infermieri del nuovo centro situato alle porte di Milano. Il personale avrebbe scambiato le sacche di sangue.

La paziente era ricoverata da giorni nel reparto di Ortopedia. Al momento la Regione Lombardia sta effettuando accertamenti sul caso. Dalle prime informazioni, la donna, 84 anni, era stata sottoposta a un intervento per la rottura di un femore.

LEGGI ANCHE: Testimone di Geova si rompe un femore, rifiuta la trasfusione e muore

L’ipotesi su cui si stanno concentrando gli ispettori è di un errore umano avvenuto in seguito a un caso di omonimia: stesso nome e cognome. Il sangue, destinato a un’altra paziente, è stato trasfuso nella povera donna che ha perso poi la vita: i suoi anticorpi hanno aggredito i globuli rossi non riconosciuti per la differenza del gruppo sanguigno.