Monza, prende a pugni la moglie ed i loro piccoli assistono: arrestato

·2 minuto per la lettura
Besana, prende a pugni la moglie davanti ai figli piccoli: scattano le manette per un 31enne
Besana, prende a pugni la moglie davanti ai figli piccoli: scattano le manette per un 31enne

Questa è un’altra storia di violenza. Questa è un’altra storia con protagonista una donna che viene picchiata dal marito da cui per giunta stava anche separando. É successo a Besana in Brianza, un comune in provincia di Monza e della Brianza in Lombardia, attorno alla mezzanotte dello scorso 7 ottobre 2021. L’uomo, un 31enne, ha preso a pugni la moglie davanti ai figli mentre era in evidente stato di ubriachezza.

Rifiuta di avere rapporti sessuali con il marito: lui la picchia davanti ai figli

A quanto dicono i carabinieri della Compagnia di Seregno tra i due era esplosa una violenta discussione. Il motivo? Semplicemente la donna si era rifiutata di avere un rapporto sessuale con il marito. Inoltre, i due si stavano separando proprio a causa dei continui maltrattamenti che da anni la donna subiva. Tuttavia, a quanto sembra neanche questo atto di separazione ha fermato l’uomo, che dinanzi al rifiuto della moglie al rapporto sessuale, ha iniziato a picchiarla. La donna, un’operaia di 33 anni, è stata presa a pugni davanti agli occhi dei suoi due figli, rispettivamente di sei e quattro anni.

Rifiuta di avere rapporti sessuali con il marito, lui la picchia davanti ai figli: arrestato

A salvarla è stata una segnalazione fatta alla centrale operativa di Seregno: infatti, dopo pochi minuti è giunta sul posto una pattuglia. I carabinieri hanno raccontato che quando si sono avvicinati all’appartamento in questione, hanno sentito le grida della donna e rumori di vetri infranti.

Rifiuta di avere rapporti con il marito: lui la picchia facendole credere che non possono arrestarlo

L’uomo, di origini romene, è stato così arrestato. Successivamente è venuto a galla che l’uomo era riusciuto a fare un bel lavaggio di cervello alla moglie, facendole credere che avvisare la polizia di queste violenze sarebbe stato inutile perché non lo avrebbero mai potuto arrestare. Come era riusciuto a convincerla di questa sciocchezza? Aveva raccontato alla moglie che in Italia vigeva una legge che permette alla parola dell’uomo, anzi del marito, di essere superiore alla donna. Non contento, l’uomo si è mostrato arrogante e presuntuoso anche davanti ai carabinieri. Al momento si trova al carcere di Monza. Per quanto riguarda, la 33enne, invece, è stata soccorsa dai sanitari del 118, che sono arrivati sul posto e l’hanno portata in codice verde all’ospedale di Carate Brianza. Da lì poco dopo è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli