Morgan sull'incarico proposto da Sgarbi: "Spero di poter cambiare le cose, se non mi fermano"

Morgan pronto ad accettare l'invito di Vittorio Sgarbi: "Sono uno scienziato, un intellettuale"
Morgan pronto ad accettare l'invito di Vittorio Sgarbi: "Sono uno scienziato, un intellettuale"

Vittorio Sgarbi, neo-sottosegretario al ministero della Cultura del governo Meloni, di recente ha annunciato di voler affidare un prestigioso incarico a Marco Castoldi, in arte Morgan. Il cantante, in alcune recenti interviste ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito, ecco tutti i dettagli.

L’annuncio di Sgarbi: “Darò a Morgan un incarico per la musica”

Vittorio Sgarbi è da poco diventato sottosegretario alla Cultura, ma sembra avere già le idee chiare su cosa fare ed in particolare su quale incarico affidare a Morgan, ecco cosa ha dichiarato recentemente a riguardo in un’intervista rilasciata a Repubblica:

“Bisogna creare un dipartimento ad hoc per la musica, che deve essere affiancata all’arte, e lui avrà un ruolo. Morgan è un uomo di grande intelligenza, è un uomo libero”.

In una recente intervista rilasciata al “Corriere della Sera”, Morgan ha speso delle belle parole nei confronti di Sgarbi, ecco cosa ha dichiarato:

“Con lui discuto del tema della cultura da più di vent’anni, e lui come me è convinto che la musica abbia un ruolo determinante. C’era bisogno di una visione luminosa come la sua per mettere a frutto questo progetto in realtà molto semplice: promuovere una rinascita culturale attraverso tutto quel patrimonio non valorizzato che abbiamo e che invece va promosso”.

Morgan sulla proposta di Sgarbi: “Pronto a mettere tutto il mio impegno per la musica”

Morgan ha accolto con entusiasmo la proposta di Vittorio Sgarbi e in una recente intervista rilasciata all’AdnKronos, ecco cosa ha dichiarato:

“Pronto a mettere tutto il mio impegno per riunificare tanti temi che riguardano la musica, ma che al momento risultano sfilacciati e tenuti separati, ristabilendo una competenza e un ruolo istituzionali, anche per salvaguardare quel prodotto culturale che è la canzone, sia popolare o d’autore”.

E sul dipartimento dedicato alla musica, ecco cosa ha aggiunto:

“È giusto che si crei nel ministero della Cultura un dipartimento dedicato alla musica, che non deve essere solo appannaggio dello spettacolo e del mercato. La musica deve avere una sua ‘casa’ e il Mic deve assumersene la responsabilità, per gestirla a livello sociale evitando le strumentalizzazioni a fini economici e discografici”.

Morgan sulla musica: “Il settore discografico va rivoluzionato”

Nell’intervista rilasciata all’AdnKronos, Morgan ha parlato di quali sono i suoi progetti nell’ambito della valorizzazione del patrimonio musicale italiano e non solo.

Nello specifico, Morgan ha parlato dell’importanza di rivoluzionare il settore discografico, ma anche dell’importanza di supportare con adeguati investimenti le scuole ed i Conservatori.

Infine, secondo Morgan è importante dar luce ai grandi capolavori della musica italiana, che di fatto si costituiscono come una parte importantissima del patrimonio culturale del nostro Paese.