Morisi indagato, Salvini: "Vicenda meschina, attaccano lui per colpire me"

·1 minuto per la lettura

"Morisi? Non lo sento da giorni, spero sia tranquillo e si occupi di altro. E' una vicenda veramente meschina, attaccano lui per attaccare me. C'è un'inchiesta senza prove e senza processo, che però è stato già svolto da una settimana sui giornali: non è proprio di un Paese normale", dice a 'Radio Capital' Matteo Salvini, leader della Lega.

Quanto alla stoccata di Berlusconi a me e Meloni, "Berlusconi l'ha smentita, mi fido di Berlusconi. La mia priorità è il lavoro, cercare di evitare l'aumento dell'Imu. Lascio le ricostruzioni e i litigi tra giornalisti e politici a certa carta stampata, ha detto il leader della Lega. Giorgetti loda Calenda? "Ha smentito lui, ha smentito Berlusconi... evidentemente quelli che parlano con La Stampa sono sfortunati", ironizza l'ex Ministro dell'Interno.

E sulla polemica per il mancato incontro con Meloni a Milano spiega: "E' surreale... Avevo già rimandato il treno e per rispetto nei confronti dei cittadini che ho incontrato a Frascati, Mentana, Marino, Latina e Ostia evidentemente non potevo 'bidonare' per un ritardo di un aereo indipendente dalla volontà mia e di Giorgia. Ci vediamo oggi a Roma. Lascio che i giornalisti raccontino una realtà parallela sui giornali".

Infine, parlando delle amministrative, secondo Salvini "ci saranno ballottaggi in tutte le grandi città perché ci sono tantissimi candidati sindaco, tantissime liste. Nella maggioranza di queste città la Lega e il centrodestra andranno al ballottaggio in vantaggio ma questo non vuol dire niente perché anche il Milan era in vantaggio l'altra sera...".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli