Moro, ex Br Balzerani: "Colloqui con Persichetti per ricostruire verità su via Fani"

·2 minuto per la lettura

"Si, posso confermare l'insistenza di Paolo nella ricostruzione dei dettagli. Una battagliaccia tra il rigore della ricerca storica e la fragilità della memoria testimoniale, tra la meticolosità di ripercorrere nei particolari e la selezione dei ricordi decisa dalle ondate emotive. Che tutto questo potesse tradursi nell'accusa di associazione sovversiva in solitaria per Paolo e nell'impedimento di svolgere il suo lavoro di ricerca non era così facile da prevedere in quei faticosi incontri con annesse frustrazioni reciproche. Al massimo potevamo pensare che cadesse nell'indifferenza dei più e che nulla potesse scalfire la versione ufficiale della memoria condivisa. Mai dire mai". Lo scrive su Facebook l'ex Br Barbara Balzerani commentando un post di Paolo Persichetti relativo alla inchiesta che lo vede indagato a Roma per favoreggiamento e associazione sovversiva con l'accusa tra l'altro di aver divulgato alcuni passaggi della bozza di relazione della Commissione d'inchiesta sul sequestro e l'omicidio di Aldo Moro, materiale ritenuto dagli inquirenti riservato.

Balzerani è in qualche modo parte in causa perché, a quanto emerso dalle carte dell'inchiesta, a Persichetti viene anche contestato di aver omesso, nel libro "Brigate rosse, dalle fabbriche alla campagna di primavera", scritto nel 2017 con gli storici Marco Clementi ed Elisa Santalena, alcuni passaggi sull'agguato di via Fani che emergerebbero invece da uno scambio di email con l'ex brigatista Alvaro Loiacono e dalle dichiarazioni "rese agli autori da Moretti, Seghetti e Balzerani nel corso di una serie di conversazioni tra il 2006 e il 2016". Una scelta che, secondo gli investigatori, "potrebbe non essere solo di natura editoriale, ma anche 'politica'" e "ai margini di una possibile forma di favoreggiamento". E che invece, secondo Persichetti, fu semplicemente dettata dall'impossibilità di sciogliere definitivamente alcuni nodi e alla decisione dei ricercatori di delimitare l’informazione ai soli dati accertati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli