Morra: sentenza Consulta su ergastolo è una sconfitta

Rea

Roma, 23 ott. (askanews) - "La Consulta e' intervenuta sull'ergastolo ostativo. Altra sconfitta. Francamente è una sconfitta per chi crede che la mafia meriti il doppio binario e quindi una legislazione del tutto particolare, eccezionale". Lo ha detto, in una diretta Facebook, Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, commentando la sentenza della Consulta.

"Il 41 bis - continua - era stato fortemente voluto da Giovanni Falcone. Evidentemente anche lui violava lo spirito della Costituzione? O forse aveva capito che le mafie vanno combattute con determinazione, che non significa mancare di rispetto al detenuto per reati di mafia ma fare capire alla comunità che i reati mafiosi pretendono una considerazione ben diversa dai reati comuni. Bisogna capire - ha aggiunto - che con le mafie non si scherza. Mafia e Stato sono due poteri che si combattono per coesistere sullo stesso territorio. Se non si combattono è perchè evidentemente hanno trovato un modo di intendersi. Non è cattiveria quella per cui ammettiamo l'ergastolo ostativo, ma semplicemente la constatazione di un fallimento. Non siamo riusciti ad ottenere una collaborazione, non è detto - ha spiegato - che l'assenza di segnali per esprimere la lontananza dal sodalizio mafioso debba intendersi come definitiva rottura da quel mondo".