Morris: Gb e Italia, collaborazione senza precedenti sul clima

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 set. (askanews) - "La Cop26, insieme alla presidenza rispettivamente del G7 e del G20 di Gran Bretagna e Italia, ha avuto un impatto significativo sulla collaborazione dei nostri due Paesi sul clima: gli ultimi dieci mesi hanno visto scambi e approfondimenti senza precedenti in questo settore fra i nostri due Paesi": lo ha dichiarato l'ambasciatrice britannica in Italia, Jill Morris, intervenuta a "The road to Cop26", evento di presentazione delle iniziative britanniche alla preCop26 di Milano, in programma il prossimo 30 settembre.

"Molti traguardi sono già stati raggiunti: a luglio la presidenza italiana del G20 ha diffuso una dichiarazione che riconosce la necessità del 'net zero' per mantenere l'aumento della temperatura sotto gli 1,5 gradi; quest'anno, per la prima volta, è chiaro a tutti che il clima si intreccia con tutti gli argomenti politici, incluse finanza, sviluppi economico e salute; è stato riconosciuto il ruolo fondamentale di scienziati e ricercatori", ha proseguito l'ambasciatore.

"Molto è stato fatto e l'impegno di figure di alto livello come il premier Boris Johnson, il presidente del Consiglio Mario Draghi, è stato importante per mantenere viva l'agenda sul clima ai più alti livelli, come abbiamo visto in occasione dell'Assemblea Generale dell'Onu", ha concluso: "Italia e Gran Bretagna sono pronte per lo sprint finale: dobbiamo fare tutto il possibile per fare leva sulla buona volontà, a Milano, a Glasgow e oltre. Ma anche dopo la Cop, l'impegno di Gran Bretagna e Italia resterà fondamentale per mantenere alta la lotta contro i cambiamenti climatici".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli