Morta ad un mese dal matrimonio per un incidente

incidente moto
incidente moto

Tragedia a Molveno, in Trentino, dove una ragazza di 29 anni ha perso la vita per un incidente in moto. Con lei anche il fidanzato, che avrebbe dovuto sposare tra un mese.

29enne morta in un incidente in moto

Barbara De Donatis, 29 anni originaria di Vestone, in provincia di Brescia, è morta nel pomeriggio di domenica 22 maggio, sbalzata dalla moto guidata dal fidanzato Andrea Rizzi, su una curva della statale 421 a Molveno, in Trentino. I due si sarebbero dovuti sposare tra poco più di un mese, in data 3 luglio, ma è bastato un temporale improvviso e l’asfalto bagnato per interrompere tutto.

I Carabinieri di Riva del Garda hanno ricostruito la dinamica dell’incidente. La velocità era contenuta, dato che il temporale aveva lasciato un asfalto viscido e scivoloso. Andrea ha perso il controllo della moto, ma la caduta non è stata troppo violenta: lui, infatti, ha riportato solo qualche contusione e pochi graffi. Barbara, invece, è finita oltre la carreggiata. Passando sotto il guard rail, è precipitata nel vuoto per diversi metri e si è scontrata con varie rocce, finendo nella radura di fianco ai sentieri del lago di Molveno.

I soccorsi e i disperati tentativi per salvare Barbara

Andrea si è subito rialzato e chiamato il 112. Dopo aver contattato i soccorsi, è risalito in moto e ha cercato di raggiungere Barbara. Dopo pochi minuti è arrivata un’ambulanza, e con essa i Vigili del Fuoco e l’elisoccorso da Trento con un medico rianimatore.

Raggiungere Barbara è stato difficile, e quando sono arrivati aveva già perso conoscenza. I sanitari hanno provato a rianimarla per diverso tempo, senza avere successo. Arrivati all’ospedale Santa Chiara di Trento, si è potuto solo constatarne il decesso. Il fidanzato ora è ricoverato. Le ferite sono lievi, ma è ancora sotto shock.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli