Morta dopo una trasfusione, medico e infermiera indagati per omicidio

morta-trasfusione-sbagliata

È giunta ad una svolta l’inchiesta sul decesso dell’84enne Angela Crippa, morta lo scorso 8 settembre all’ospedale di Vimercate, in provincia di Monza, in seguito ad una trasfusione sbagliata, non compatibile con il proprio gruppo sanguigno . Nel registro degli indagati sono infatti state iscritte due persone, un medico ed un’infermiera dell’ospedale monzese di 44 e 43 anni che erano di turno durante l’intervento della donna e che ora sono entrambi accusati di omicidio colposo.

Morta dopo una trasfusione sbagliata

Il fascicolo d’inchiesta sulla morte dell’anziana era stato aperto dalla procura di Monza lo scorso 17 settembre, a seguito della denuncia presentata dai familiari della donna. Ai carabinieri infatti, i figli avevano raccontato di quanto accaduto all’ospedale dopo che il 4 settembre l’84enne era stata ricoverata per la frattura del femore, un trauma piuttosto comune a quell’età.

Dopo essere stata operata al femore in mattinata, la donna aveva subito una trasfusione di sangue qualche ora dopo. A 20 minuti dall’inizio della trasfusione, le condizioni dell’84enne erano notevolmente peggiorate, tanto che i medici si sono visti costretti ad intubarla e a portarla nel reparto di rianimazione. Una volta qui, la donna venne immediatamente sottoposta a una dialisi che però non ha sortito l’effetto sperato. Angela Crippa è infatti deceduta a causa di una crisi emolitica.

Un caso di omonimia

Stando a quanto ricostruito dagli investigatori, la trasfusione errata sarebbe avvenuta in seguito ad un caso di omonimia con un’altra paziente dell’ospedale avente un diverso gruppo sanguigno. L’immissione del plasma non corrispondente ha infatti comportato un’immediata reazione degli anticorpi di Angela Crippa che in breve tempo l’hanno portata alla morte.

I medici dell’ospedale di Vimercate tuttavia non hanno mai nascosto ai familiari della donna la verità su quanto accaduto. Una preziosa collaborazione che ha permesso l’iscrizione nel registro degli indagati del medico e dell’infermiera, ora indagati per omicidio colposo.