Morta una neonata a Roma, aveva ferite alla testa. Indagata la madre: "Non sapevo di essere incinta, è caduta"

HuffPost

È accusata di omicidio la donna fermata sabato a Vitinia dopo che la bambina che aveva partorito poco prima in casa è arrivata in gravi condizioni in ospedale. La piccola, che aveva ferite alla testa, è morta nel pomeriggio di oggi, 20 gennaio.

Sul caso indaga ora la Procura di Roma che dovrà chiarire la cause delle ferite riscontrate sul corpo della neonata e che potrebbero essere compatibili con delle percosse. La donna, una trentenne italiana di origine svedese, ora ai domiciliari, aveva raccontato che la piccola era caduta.

“Non sapevo di essere incinta. Mia figlia è caduta per terra”, ha detto la donna. La piccola era stata trovata dai carabinieri avvolta in un asciugamano: aveva ancora il cordone ombelicale attaccato alla placenta. A dare l’allarme era stata la nonna che, entrando in camera, aveva visto la figlia sdraiata a letto e a terra il corpo della piccola.

Continua a leggere su HuffPost