Omicidio Floyd, arrestato il poliziotto coinvolto

webinfo@adnkronos.com

E' stato arrestato l'ex poliziotto coinvolto nell'uccisione di George Floyd. Lo ha annunciato John Mark Harrington, il capo del dipartimento della pubblica sicurezza del Minnesota. Derek Chauvin è l'agente che ha tenuto per oltre cinque minuti il ginocchio premuto sul collo del 46enne afroamericano che continuava a dire che non riusciva a respirare.  

Chauvin è stato accusato formalmente di omicidio e omicidio colposo, ha riferito il procuratore della contea Odi Hennepin, Mike Freeman, nel corso di una conferenza stampa. Chauvin è stato arrestato oggi, dopo essere stato licenziato insieme ad latri tre colleghi, dopo la morte di Floyd. 

Soddisfatta l'ex candidata democratica alla Casa Bianca e senatrice del Minnesota, Amy Klobuchar, che il un tweet conferma Chauvin "è stato arrestato ed è detenuto per l'omicidio di Floyd, è un primo passo verso la giustizia".  

La stampa Usa ha riportato che Chauvin nei suoi 19 anni al dipartimento aveva ricevuto almeno una decina di denunce per il suo comportamento, senza che fosse mai avviato nei suoi confronti nessun procedimento disciplinare, tranne in un solo caso una lettera di richiamo. 

"Minneapolis e St. Paul sono in fiamme, gli incendi ancora covano sotto la cenere nelle nostre strade, e la cenere è il simbolo di decenni e generazioni di pena, angoscia, non ascoltate" ha detto il governatore del Minnesota, Tim Walz, in una conferenza stampa, chiedendo che si "faccia velocemente giustizia". "La vostra pena è vera" ha detto poi rivolto ai cittadini del Minnesota dicendo che "questo è uno dei capitoli più bui della storia" dello Stato. 

Il sindaco di Minneapolis Jacob Frey ha annunciato il coprifuoco in tutta la città per tutto il weekend. La decisione è stata presa per evitare "ulteriori disordini" per le proteste in seguito all'uccisione del cittadino afroamericano, George Floyd.