Morte George Floyd, Nuova Zelanda rimuove statua colonialista

Ihr

Roma, 12 giu. (askanews) - Il consiglio comunale di Hamilton, in Nuova Zelanda, ha rimosso oggi la statua di un comandante britannico morto nel XIX secolo a cui questa citt deve il suo nome, come molte localit nel mondo che hanno deciso di riesaminare i loro riferimenti storici e coloniali sulla scia delle proteste antirazziste scoppiate dopo l'uccisione negli Usa dell'afroamericano George Floyd per mano di un poliziotto bianco. Una gru ha rimosso il monumento di bronzo al capitano John Fane Charles Hamilton questa mattina, come richiesto dalle organizzazioni maori.

Il consiglio comunale ha riconosciuto che la rimozione della statua di Hamilton, che avvenuta sotto il tifo di un piccolo gruppo di spettatori, si inscrive nel piano di liberare lo spazio pubblico dagli elementi del patrimonio "che si ritiene rappresentino la discordia tra culture o la repressione". Un esame di coscienza che stato accelerato dalla morte di George Floyd oltre due settimane fa a Minneapolis, nel Minnesota.(Segue)