Morte Soleimani, presidente Iraq: non coinvolgeteci in nuova guerra

Fth

Roma, 8 gen. (askanews) - Il presidente iracheno Barham Saleh ha chiesto di evitare al suo Paese una "nuova guerra" dopo l'attacco missilistico dell'Iran su basi militari americane in Iraq in risposta alla morte del generale iraniano Qassem Soleimani ucciso venerdì scorso in un raid Usa a Baghdad. Lo riferiscono media iracheni.

"Il presidente iracheno chiede che sia risparmiata alla regione qualsiasi conflitto militare e il coinvolgimento degli iracheni in una nuova guerra", ha detto Saleh in un comunicato della Presidenza ripreso dalla tv satellitare Rudaw.

Saleh ha anche invitato "tutte le parti coinvolte di tenere i nervi saldi e far prevalere il linguaggio del dialogo senza farsi trascinare ad una guerra aperta che minacci la regione".