Morto a 93 anni Angelo Guglielmi, il critico che diresse Rai3

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 lug. (askanews) - E' morto a 93 anni Angelo Guglielmi, il critico letterario e saggista divenuto poi dirigente Rai. Sotto la sua direzione, tra il 1987 e il 1994, Rai3 è diventata una rete diversa, che ha visto crescere personaggi e programmi che hanno segnato la storia della tv pubblica italiana: da Augias a Santoro, dalla Dandini a Fabio Fazio. Ma forse più significativo è l'elenco delle trasmissioni di quel periodo: Blob, Avanzi, Quelli che il calcio, Telefono giallo, Samarcanda, Chi l'ha visto, Un giorno in pretura.

Nato ad Arona nel 1929, Guglielmi è stato anche un protagonista della scena critica e letteraria italiana, con Umberto Eco ed Edoardo Sanguineti ha fondato il Gruppo 63, proposta di avanguardia che ha poi giocato un ruolo centrale nella definizione dell'idea stessa di cultura nel nostro Paese.

Dal 1995 al 2001 è stato presidente e amministratore delegato dell'Istituto Luce. Dal 2004 al 2009 ha svolto il ruolo di assessore alla cultura del Comune di Bologna.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli