Morto Andrea Jengo: è stato giornalista in Rai

morto andrea jengo

Cordoglio e dolore nel mondo del giornalismo per la scomparsa, all’età di 65 anni, di Andrea Jengo, storico cronista Rai e direttore della sede della Toscana e dell’Umbria. Ad annunciare la scomparsa è stato Sandro Bennucci, presidente dell’Associazione Stampa Toscana. “Da molti anni a Firenze, è sempre stato molto vicino alla città e alle istituzioni per le mille iniziative promosse e ospitate con il patrocinio della Rai” lo ha ricordato Bennucci.

Morto Andrea Jengo

Nel dare la notizia della scomparsa di Jengo, Bennucci ha ricordato alcune tappe della carriera del giornalista: “E’ sempre stato un amico sincero manifestando grande sensibilità non solo per i seminari di formazione ma anche per tutto quello che riguarda la nostra professione: fu fra i primi promotori dell’idea di intitolare il mitico studio C della sede Rai a Paola Nappi, collega che si ammalò durante i servizi dal Giglio sulla Concordia e che morì dopo una non breve agonia“. Bennucci, a nome dell’associazione Stampa Toscana ha espresso le condoglianze alla famiglia.

La carriera in Rai

Andrea Jengo è arrivato in Rai nel 1990 alla segreteria del Consiglio di Amministrazione dove è rimasto per 9 anni, fino a quando è stato nominato direttore della sede regionale dell’Umbria. Nel marzo 2006 è diventato responsabile ad interim della sede delle Marche mentre nel 2007 è divenuto responsabile della Post produzione del Centro di produzione di Roma. Nel 2011 è stato quindi nominato direttore della sede Toscana e da tre anni ricopriva lo stesso incarico ad interim per la sede umbra.