Morto Andrea Zamperoni, lo chef era scomparso da 4 giorni a New York

andrea-zamperoni

Sono purtroppo finite nel peggiore dei modi le ricerche dello chef italiano scomparso da domenica scorsa a New York. Il 33enne Andrea Zamperoni è stato trovato morto, avvolto in una coperta, in un ostello del Queens, lo stesso quartiere dove risiedeva. Al momento sarà l’autopsia a stabilire le effettive cause della morte dell’uomo. Zamperoni lavorava come capo chef presso un ristorante della nota catena Cipriani Dolci, più precisamente nella sede del Grand Central Terminal.

Trovato morto Andrea Zamperoni

Originario di Casalpusterlengo, in provincia di Lodi, Zamperoni era stato visto per l’ultima volta dai suoi coinquilini alle prime ore di domenica. Le ricerche però sono state avviate soltanto nella giornata di lunedì 19, quando non si è presentato sul posto di lavoro. Proprio per cercare di assistere la polizia nelle ricerche, era giunto a New York il fratello gemello Stefano, che lavora anch’egli per la catena Cipriani Dolci, nella sede di Londra.

Stando ad alcune testimonianze, raccolte dai giornalisti tra gli avventori dell’ostello Kamway Lodge in cui è stato trovato il 33enne, sembra che nei giorni scorsi vi sia stata una lite in una delle camere al primo piano. La zona del Queens dov’è sito l’ostello è nota per essere un luogo piuttosto non molto tranquillo. Andrea Zamperoni si trovava a New York da circa un anno ma da dieci lavorava per Cipriani Dolci. Per molto tempo aveva lavorato nella sede di Londra della catena dove oggi lavora il fratello.

Il messaggio di Cipriani Dolci

Diffusasi la notizia della morte dello chef, la catena Cipriani ha subito espresso le proprie condoglianze attraverso Facebook. In un post pubblicato in serata si può leggere: “Abbiamo purtroppo appreso che Andrea Zamperoni, un membro rispettato e amato del team Cipriani per molti anni che risultava scomparso da domenica scorsa, è stato trovato deceduto. Manterremo la famiglia di Andrea nei nostri pensieri e preghiere e rispetteremo la loro privacy in questo momento difficile. Andrea era un individuo responsabile, di buon cuore, gentile e molto laborioso e mancherà profondamente da tutti noi. Confidiamo che la polizia di New York stia compiendo tutti gli sforzi necessari per indagare e chiarire questa tragica situazione. Vi ringraziamo per il vostro supporto. La famiglia Cipriani”.