Morto Bordigoni, figura storica dei tecnici di radiologia medica

ROMA (ITALPRESS) - Lutto nel mondo della sanità. E' scomparso Natalino Bordigoni, per 30 anni presidente della Federazione nazionale dei Collegi dei Tecnici sanitari di radiologia medica, dal 1969 al 1999. A darne notizia Fno Tsrm e Pstrp, la Federazione nazionale degli ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. "Insieme a chi l'ha affiancato e sostenuto nell'Associazione nazionale dei tecnici italiani di radiologia (ANTIR), ha determinato le condizioni che hanno portato alla legge 1103/65 'Regolamentazione giuridica dell'esercizio dell'arte ausiliaria sanitaria di radiologia medica', con la quale il Tecnico di radiologia ha avuto il riconoscimento normativo e sono stati istituiti i Collegi e la relativa Federazione nazionale", si legge nella nota.

Bordigoni "ha incarnato con efficacia l'anima combattiva dei Tecnici di radiologia, entrando in piena sintonia con le frequenze di quella società, in cui le lotte di alcuni hanno determinato risultati di indubbio valore per tutti: oltre alla legge 1103/65, il congedo ordinario aggiuntivo, l'indennità professionale specifica di rischio radiologico, la legge 25/83 con cui ai Tecnici sanitari di radiologia medica fu riconosciuto lo status di professione e, infine, il profilo professionale".

Secondo Fno Tsrm e Pstrp "da oggi, Natalino Bordigoni è consegnato alla storia delle professioni sanitarie del nostro Paese per quel che ha dato ai TSRM ed alle loro Istituzioni, che nel tempo sono cresciute e divenute quelle di 19 differenti professioni tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. I Tecnici sanitari di radiologia medica italiani lo ricordano con affetto e gratitudine", conclude la nota.

- foto ufficio stampa Fno Tsrm e Pstrp - (ITALPRESS).

fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli