Morto di Covid il vescovo di Montenegro. Un funerale focolaio

·1 minuto per la lettura
Vescovo negazionista muore di Covid in Montenegro
Vescovo negazionista muore di Covid in Montenegro

Morto di Covid il vescovo negazionista del Montenegro che professava ai suoi fedeli: “In attesa del vaccino abbiamo i pellegrinaggi, il Vaccino di Dio“.

Montenegro, Vescovo negazionista morto di Covid

Al funerale svoltosi a Podgorica in Montenegro, del vescovo Amfilohije Radovic morto di Covid non sono state rispettate le norme di contenimento in vigore nonostante fossero presenti migliaia di partecipanti tra cui il primo ministro ed il Presidente. Il vescovo definito “Covid-scettico” ai fedeli professava: “In attesa del vaccino abbiamo i pellegrinaggi, il Vaccino di Dio”.

Anche il patriarca Irinej, capo della Chiesa ortodossa serba, uomo di 90 anni, è risultato positivo al Coronavirus e “ricoverato in un ospedale a Belgrado senza sintomi ed è in ottima salute” come è stato dichiarato in un comunicato stampa. Al funerale del vescovo Amfilohije Radovic erano presenti anche il primo ministro Zdravko Krivokapic ed il presidente serbo Aleksandar Vucic, cerimonia in cui si presume siano state contagiate molte persone compreso il successore di Amfilohije colpito da una “lieve polmonite”, come ha riferito la Bbc.

Un funerale senza misure di distanziamento né utilizzo di mascherine di protezione al fine di ridurre i contagi del virus sopratutto data l’impennata dei contagi in Serbia. Amfilohije aveva già violato la legge anti-coronavirus nel guidare una marcia di protesta contro la legge sulle proprietà religiose nel Montenegro.