Morto Gavan O'Herlihy, il Chuck Cunningham di Happy Days

·2 minuto per la lettura
Nella foto del 1974 da sinistra: Ron Howard, Gavan O'Herlihy, Marion Ross, Erin Moran, Tom Bosley (Photo by ABC Photo Archives/Disney General Entertainment Content via Getty Images)
Nella foto del 1974 da sinistra: Ron Howard, Gavan O'Herlihy, Marion Ross, Erin Moran, Tom Bosley (Photo by ABC Photo Archives/Disney General Entertainment Content via Getty Images)

Se ne va un altro pezzo di Happy Days: è morto all'età di 78 anni l'attore Gavan O'Herlihy, che nel telefilm interpretava Chuck Cunningham, figlio più grande di Richard e Marion Cunningham. Lo riporta il giornale "The Irish Echo". Nato il 29 luglio 1951 a Dublino, era figlio dell'attore irlandese Dan O'Herlihy.

VIDEO - Usa, Fonzie prende in giro Donald Trump

Trasferitosi dall'Irlanda a Los Angeles nel 1973, era entrato nel cast di Happy Days come il fratello di Richie (Ron Howard) e Joanie (Erin Moran). Dopo la prima serie, forse a causa della crescente popolarità del personaggio di Fonzie e del suo scarso appeal sul pubblico, gli sceneggiatori decisero di eliminare il suo personaggio facendolo sparire dalla scena senza una vera spiegazione (nel prosieguo della serie il resto del cast si comporterà come se quel personaggio non fosse mai esistito).

Una mossa che originerà quella che nel mondo della serialità verrà successivamente chiamata "Sindrome di Chuck Cunningham", ovvero quando un personaggio scompare dalla narrazione: non muore, non parte per un lungo viaggio, non si trasferisce, semplicemente non c'è più, senza alcuna ragione.

Dopo Happy Days, O'Herlihy ha recitato in molti telefilm anni '70 e '80 come "La donna bionica", "L'uomo da sei milioni di dollari" e "Pepper Anderson agente speciale". In seguito ha preso parte a un episodio de "I racconti della cripta" nel 1990 e de "L'ispettore Barnaby" nel 2009. Ha lavorato anche nel cinema, apparendo in ruoli secondari o di antagonista in "Un matrimonio" di Robert Altman (1978), "Mai dire mai" (1983), "Superman III" (1983), "Il giustiziere della notte 3" (1985), "Willow" diretto proprio da Ron Howard (1988), "Shooter - Attentato a Praga" (1995), "Il mistero del principe Valiant" (1997), "Il casinò della paura" (1997) e "The Descent Part 2" (2009). Seppur più spesso in ruoli di "cattivo", è stata molto apprezzata la sua interpretazione dell'eroico Capitano Leroy in "Sharpe's Eagle".

VIDEO - Ron Howard: "In Italia sono ancora Richie, l’eroe di Happy Days"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli