Morto il maestro Giacomo Zani in un incidente d'auto

·2 minuto per la lettura
Giacomo Zani
Giacomo Zani

Il maestro Giacomo Zani, ex direttore di orchestra di 89 anni, è morto a Casalmaggiore, la sua città, a causa di un incidente stradale avvenuto intorno alle ore 13.30 di giovedi 17 giugno.

Giacomo Zani, la dinamica dell’incidente

Giacomo Zani stava guidando la sua Subaru quando, lungo l’ultima curva di via Albarone, a Casalmaggiore, ha perso il controllo della vettura, andando contro un palo della luce a bordo strada e finendo in seguito nel fossato laterale. Quando i soccorsi hanno raggiunto il luogo, Zani era ancora vivo, ma aveva già perso conoscenza. Le sue condizioni sono subito apparse disperate. Il decesso è avvenuto poco dopo l’arrivo all’ospedale di Casalmaggiore.

Giacomo Zani, una vita per la musica

Giacomo Zani era nato a Casalmaggiore, in provincia di Cremona, il 9 luglio 1932, ma fu con la città di Milano che costruì un rapporto professionale che durò tutta la vita. Dal 1977 al 2011 ebbe l’incarico di direttore della Casa Musicale Sonzogno, che si trova nel cuore del capoluogo lombardo, in via Bigli, per la quale ha curato le principali edizioni critiche. Fu inoltre direttore dell’orchestra del Teatro Massimo di Palermo, direttore artistico del Teatro Giglio di Lucca e, dal 2005, componente del comitato tecnico della sezione lirica Siae, la Società italiana degli autori ed editori .

Giacomo Zani, uno sguardo alle future generazioni

Come direttore d’orchestra, Giacomo Zani girò i palchi e i teatri di tutto il mondo. Il maestro chiuse ufficialmente la sua carriera nel 2005, a Seoul, dirigendo l’Andrea Chenièr, ma la sua passione per la cultura a tutto tondo lo portò a guardare avanti e pensare alle future generazioni.

Nel 2013 cedette al Comune di Casalmaggiore Casa Zani, la villetta di famiglia in stile Liberty che sorge lungo via Repubblica nella cittadina cremonese. Questo progetto fu fortemente sostenuto dal maestro, che chiese al Comune di ricavare all’interno della villa stanze per l’ascolto della musica e per concerti, con particolare predilezione per le nuove leve, ma senza dimenticare di dare valore ai cimeli e pezzi unici raccolti durante la lunga carriera, come il ventaglio della soprano Gilda Dalla Rizza.

Nel novembre 2017 il maestro Zani ottenne il Premio Caruso alla Carriera, un riconoscimento che ha chiuso i battenti dopo quell’edizione. Un mese dopo, a dicembre, la musicologa Paola Cirani dedicò a lui e alla sua carriera un libro, intitolato L’arte, la vita. Dai grandi successi ai grandi rifiuti e presentato al Teatro Comunale di Casalmaggiore.

Leggi anche: Saman Abbas, il fratello minorenne conferma: “Uccisa dallo zio Danish Hasnain”

Leggi anche: Sindacalista investito e ucciso da un camion durante una manifestazione: aveva 37 anni

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli