Morto Jonathan Demme, regista de "Il silenzio degli innocenti" e "Philadelphia"

Jonathan Demme. (AP)

Il regista premio Oscar Jonathan Demme è morto a 73 anni. Famoso per aver diretto “Il silenzio degli innocenti” (1991) e “Philadelphia” (1993), Demme è morto mercoledì mattina a New York a causa di un tumore all’esofago e complicazioni cardiache per le quali era stato curato già nel 2010.

A confermare la triste notizia al magazine cinematografico Indiewire la famiglia del regista.

Jonathan Demme era nato il 22 febbraio 1944 a Baldwin, Long Island, New York. Dopo il debutto al cinema con il film “Femmine in gabbia” nel 1974, Demme ha trovato la popolarità negli anni ’80 con pellicole come “Una volta ho incontrato un miliardario” e “Qualcosa di travolgente” (1986).

Negli anni ’90 arriva la consacrazione grazie ai capolavori entrati nella storia del cinema mondiale “Il silenzio degli innocenti” con Anthony Hopkins e Jodie Foster, per il quale vinse l’Oscar alla Regia, e “Philadelphia”, film drammatico sul delicato tema dell’AIDS con Tom Hanks e Denzel Washington.

Più tardi nella sua carriera, Demme ha diretto Denzel Washington in “The Manchurian Candidate” (2004), Anne Hathaway in “Rachel sta per sposarsi” (2008) e recentemente un’inedita Meryl Streep rockettara nel film “Ricki and the Flash” (in Italia uscito come “Dove eravamo rimasti”, 2015).

Amante della musica, Demme ha diretto anche documentari musicali come “Stop Making Sense” sui Talking Heads e il film concerto di Netflix di Justin Timberlake.

“Da bambino, quando ero piccolo, amavo andare al cinema, e adesso amo fare cinema”, aveva detto. “Tutto ciò che ho fatto – non vuol dire che siano state tutte cose belle – ma tutto quello che ho creato finora, grande o piccola, fiction o documentario, è stato qualcosa del quale ero davvero entusiasta.”

A compiangerlo la seconda moglie Joanne Howard e i tre figli avuti dal loro matrimonio, oltre al mondo di Hollywood, e tutte le persone che sono state ispirate dai suoi film e dai suoi lavori.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità