Morto l'ex presidente di Confindustria Giorgio Squinzi

Giorgio Squinzi (foto Reuters)

Dopo una lunga malattia si è spento nel tardo pomeriggio di mercoledì a Milano l'ex presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. Da un paio di settimane era ricoverato all’Ospedale San Raffaele a causa del peggioramento del male che lo aveva colpito.

LEGGI ANCHE: Che cosa fanno i figli dei politici italiani?

Nato nel 1943 a Cisano Bergamasco, in provincia di Bergamo, l'ex presidente di Confindustria si è laureato in Chimica industriale nel 1969 ed è immediatamente entrato nell'azienda di famiglia. Nel 1970 insieme al padre, ha poi fondato la Mapei Snc, diventata Spa sei anni dopo e della quale ha assunto prima il ruolo direttore generale e poi di amministratore unico. Nel 1997 è stato eletto Presidente della Federazione Nazionale dell'Industria Chimica, poi riconfermato nel 2005. Nel 2006 è stato nominato Vicepresidente della Confederazione delle Industrie Chimiche Europee e nel 2008 ha ricoperto la carica di Vicepresidente di Assolombarda e di Membro del Consiglio Direttivo di Assopiastrelle. Infine, nel 2012 diventa il numero uno di Confindustria che guida per 12 anni.

VIDEO - Giorgio Squinzi, ecco chi era

Appassionato di ciclismo, come il padre Rodolfo, ha sponsorizzato per 10 anni la squadra professionistica Mapei-Quick Step, con la quale ha vinto diverse volte il Giro d'Italia oltre a numerose competizioni a livello mondiale. Nel 2002 è diventato anche proprietario del Sassuolo Calcio portando la squadra dalla C2 alla storica promozione in serie A nel 2013.

Squinzi lascia la moglie Adriana Spazzoli e i figli Marco e Veronica, da tempo impegnati in Mapei. I familiari renderanno noti giovedì mattina i dettagli delle esequie.