Morto Piero Sugar, il marito di Caterina Caselli si è spento a Milano: aveva 84 anni

morto Piero sugar
morto Piero sugar

Morto Piero Sugar: il discografico italiano, figlio di Ladislao Sugar e marito di Caterina Caselli, si è spento a Milano all’età di 84 anni.

Morto Piero Sugar, si è spento a Milano: aveva 84 anni

Piero Sugar, il marito di Caterina Caselli, è morto all’età di 84 anni a Milano. Sugar era figlio di Ladislao Sugar, icona dell’editoria musicale e della discografia italiana che aveva fondato sia Messaggerie e che Cgd (Compagnia Generale del Disco). Negli anni, l’attività di Ladislao Sugar è passata nelle mani del figlio Piero che era riuscito ad apprendere alla perfezione il mestiere complesso e singolare del padre. Piero Sugar, infatti, è riuscito a fondere l’estro dell’artista con gli interessi commerciali, scoprendo e valorizzando grandi artisti.

Negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso, inoltre, è riuscito a destreggiarsi in modo esemplare con mode che cambiavano di continuo e a fare una concorrenza serrata non solo negli ambienti nazionali ma anche internazionali.

Marito di Caterina Caselli, il rapporto con la moglie

Una delle artiste che hanno fatto parte di Cgd è stata Caterina Caselli che Piero Sugar ha sposato nel 1970. La cantante aveva debuttato quattro anni prima a Sanremo con Nessuno mi può giudicare, brano rifiutato da Adriano Celentano.

Sugar è sempre stato estremamente riservato e ha sempre fatto in modo di tenere lontane del gossip sia la sua vita privata che quella lavorativa. Sui settimanali, ad esempio, sono comparsi soltanto alcuni momenti topici come la nascita del figlio Filippo nel 1971.

Il lavoro nell’ambito dell’editoria musica e della discografia italiana, poi, è stato svolto dall’84enne a fianco della moglie che, pochi anni dopo la nascita del figlio, ha deciso di ritirarsi dalla carriera artistica e diventare una talent scout.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli