Morto Vincenzo Capasso, storico pizzaiolo di Napoli

Morto Vincenzo Capasso

Don Vincenzo Capasso, il secondo più anziano pizzaiolo di Napoli, è morto a 90 anni. Il mondo della ristorazione perde così un grande e importante esponente della gastronomia partenopea. I nonni materni avevano aperto la storica pizzeria Capasso nel cuore di Napoli, a Porta San Gennaro, nell’ormai lontano 1847.

Morto Vincenzo Capasso, il funerale

E proprio nella chiesa di Porta San Gennaro si terranno sabato 9 novembre alle ore 10 le esequie di don Vincenzo Capasso. Lo storico pizzaiolo era titolare dell’omonima pizzeria affacciata in piazza Cavour. Capasso aveva festeggiato i 90 anni, compiuti lo scorso 31 maggio, con una grande festa all’interno della famosa pizzeria. La famiglia aveva voluto organizzare un evento per tutta la città e per tutti i napoletani. La festa infatti culminò con l’offerta delle tradizionali pizze a portafoglio a tutti coloro che si presentarono per porgere gli auguri al maestro pizzaiolo.

La città di Napoli ha da sempre ospitato eventi nazionali e internazionali sulla pizza. Nel giugno 2019 persino il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è prestato a rendere omaggio alla pizza napoletana con uno show insieme a Gino Sorbillo, altro storico pizzaiolo del capoluogo campano. La visita di Conte era stata motivata anche da un recente fatto di cronaca: l’esplosione di una bomba carta, nel gennaio 2019, aveva infatti distrutto una parte della pizzeria Sorbillo. Esplosione avvenuta in un clima di tensione sempre crescente a Napoli, con diversi atti intimidatori rivolti principalmente contro i commercianti.