Mosca, riprende la coscrizione con un mese di ritardo

Con un mese di ritardo sui tempi previsti è partita in Russia la campagna di arruolamento dei soldati di leva dello scaglione autunnale.

Secondo fonti ufficiose l'allungamento dei tempi sarebbe dovuto alle incombenze legate alla mobilitazione parziale proclamata nelle scorse settimane.

Il ministero della Difesa di Mosca precisa che la coscrizione riguarda 120.000 persone che non verranno impiegate in quella che continua a definire "operazione militare speciale in Ucraina".

Lo scorso 21 settembre, il presidente Vladimir Putin aveva firmato un decreto sulla mobilitazione parziale a livello nazionale, giustificandolo con la necessità di "proteggere la sovranità nazionale".

Una decisione che ha messo in allarme migliaia di persone in età di leva che hanno lasciato il paese nel timore di essere obbligati a prendere parte al conflitto in Ucraina.