Ultimatum di Mosca ai difensori di Mariupol: "Resa entro l'alba"

·3 minuto per la lettura
no credit

AGI - Le forze russe hanno completamente eliminato i difensori dall'area urbana di Mariupol e rimangono solo non più di 2.500 combattenti che resistono nell'acciaieria Azovstal "la cui unica chance di sopravvivenza è deporre le armi". Lo ha dichiarato il portavoce della Difesa russa, Igor Konashenkov, spiegando come ormai la cittadina che si affaccia sul Mar Nero sia prativamente caduta nelle mani di Mosca.

Le forze russe, inoltre, hanno comunicato di aver abbattuto, nei pressi di Odessa, un aereo da trasporto che aveva bordo "un grande quantitativo di armi occidentali".

Data più volte per prossima alla caduta in settimane d'assedio che hanno creato una spaventosa crisi umanitaria, Mariupol ha provato a resistere. Le forze russe hanno proposto la resa alle centinaia di marines e combattenti del reggimento Azov che, asserragliati nell'acciaieria, respingono i loro assalti, grazie alla fittissima rete di tunnel sotterranei costruiti in epoca sovietica per cautelarsi da un attacco nucleare.

La posizione di Zelensky

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, teme però che, se deponessero le armi, verrebbero massacrati e ha avvertito che "l'eliminazione" degli ultimi difensori della città portuale "metterà fine a qualsiasi negoziato di pace" con Mosca.

Zelensky detta le condizioni incoraggiato dall'affondamento della Moskva, l'ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, uno smacco al quale la Russia ha reagito colpendo ieri una fabbrica nella regione di Kiev. Nel sito venivano prodotti i missili Neptune che l'esercito ucraino sostiene di aver utilizzato contro l'incrociatore russo.

Il presidente, infine, si è detto disponibile a incontrare "il prima possibile" il presidente russo, Vladimir Putin, anche perché "non credo che un solo incontro bastera'". "Non credo sia possibile incontrarsi una volta e concordare su tutto perché ci sono ancora molte questioni aperte". E ancora: "non so ancora per quali questioni i russi sceglieranno la nostra opzione e per quali noi sceglieremo la loro opzione".

Poi il monito: "Non dovremmo aspettare il momento in cui la Russia deciderà di usare armi nucleari, dobbiamo prepararci", ha detto Zelensky, "servono medicinali anti-radiazioni e rifugi antiaerei. I russi possono usare qualsiasi arma, ne sono convinto".

I fronti aperti

Un altro stabilimento bellico ucraino, una fabbrica di carri armati a Darnytsky, alla periferia di Kiev, è stato bersaglio oggi di un attacco russo che, secondo il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha provocato un morto e alcuni feriti. L'operazione è stata rivendicata dalla Difesa russa, che ieri aveva avvertito che avrebbe intensificato gli attacchi alla capitale ucraina.

A Lysychanks, nel Donetsk, è scoppiato un incendio in una raffineria di petrolio. Secondo le autorità locali, a causare le fiamme è stato un bombardamento russo. I media russi confermano la notizia del rogo ma, per il momento, non ne ipotizzano le ragioni. "L'incendio è ancora in corso di spegnimento", ha aggiunto Haidai su Telegram, "non è la prima volta che viene colpita la raffineria. È stata colpita sistematicamente per esaurire le risorse dei Servizi di Emergenza dello Stato".

"Non c'è più carburante lì, sono i residui di petrolio che stanno bruciando", ha affermato il governatore. Haidai ha poi riferito di violenti combattamenti nel centro di Lysychansk, città vicina alla prima linea del Donbass, dove gli scontri sono sempre più pesanti, tanto da interferire con le operazioni di evacuazione pianificate.

Nehammer: "Putin non ha fiducia nella comunità internazionale"

Il presidente russo, Vladimir Putin, "ritiene di stare vincendo la guerra". Lo ha dichiarato alla Nbc l'unico leader occidentale ad aver incontrato il capo del Cremlino dopo l'invasione dell'Ucraina: il cancelliere austriaco Karl Nehammer.

"Credo ora sia nella sua logica di guerra, sai? Crede che la guerra fosse necessaria per garantire sicurezza alla Federazione Russa", ha spiegato Nehammer, "non ha fiducia nella comunita' internazionale. Accusa gli ucraini di genocidi nella regione del Donbass. Quindi, essendo ora nel suo mondo, ritiene di stare vincendo la guerra"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli