Mostra il certificato verde di Macron per accedere in ospedale: fermato

·1 minuto per la lettura
Esibisce il green pass di Macron
Esibisce il green pass di Macron

Le forze dell’ordine francesi hanno arrestato un ragazzo di 19 di Marsiglia che ha tentato di accedere in ospedale per una visita medica esibendo il green pass del Presidente Emmanuel Macron. Oltre al fermo, il giovane dovrà pagare una multa per “aver presentato documento sanitario di un terzo nel corso dei controlli d’accesso ad un luogo nell’ambito della lotta contro la diffusione dell’epidemia“.

Esibisce il green pass di Macron: arrestato

Secondo quanto ricostruito il ragazzo si è recato nella struttura ospedaliera per un controllo e, alla richiesta di esibizione del certificato verde necessario per entrare, ha mostrato un pass fabbricato utilizzando il codice QR del Presidente. Questo era finito sui social network a metà settembre (la stessa cosa era successa al Primo Ministro Jean Castex) e da allora Macron ne ha ricevuto uno nuovo, ma il giovane lo aveva utilizzato per crearsene uno per sé.

Le forze di sicurezza se ne sono accorte subito e lo hanno fermato. Dopo essere stato arrestato, il ragazzo si è difeso dicendo di averlo fatto per scherzo, cosa che non lo renderà comunque esente dal pagamento di una multa.

Esibisce il green pass di Macron, arrestato: il codice diffuso sui social

Il codice QR di Macron, diffuso sulle piattaforme social, conteneva i suoi dati personali (nome, cognome e data di nascita) e il tipo di vaccino ricevuto, Pfizer. Vi era soltanto una discrepanza sulla data di somministrazione, mostrata come il 13 luglio 2021 sebbene il suo ufficio avesse precedentemente dichiarato che il Presidente era stato vaccinato il 31 maggio. L’Eliseo aveva reso noto che la discrepanza era dovuta ad un errore nella trasmissione dei dati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli