Mostra Venezia: Acmf, in scena la professione dei compositori di musica da film

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Venezia, 2 set. (Labitalia) – A quattro anni dalla sua creazione e dopo vari tentativi di una costituzione fatti già negli anni sessanta, l'Associazione compositori musica per film (Acmf) organizzazione unica nel suo genere a livello mondiale avrà l'onore di raccontare dal palcoscenico prestigioso della 78a Mostra del Cinema a Venezia, all'interno della cornice de Le giornate degli autori, l'iter che ha contraddistinto la sua nascita, le attività artistiche ed istituzionali realizzate a oggi e quelle previste per il futuro, nell'ottica del definitivo riconoscimento del fondamentale ruolo artistico di una figura autoriale poco nota, anche tra gli addetti ai lavori.

Relatori per l’occasione: Pivio (insieme ad Aldo De Scalzi ha dato vita ad un lungo sodalizio artistico nel campo della musica da film; ottenuta la notorietà internazionale con Hamam – Il bagno turco diretto da Ferzan Ozpetek, ha composto ad oggi oltre 150 colonne sonore sia per il cinema che per la televisione, vincendo 3 David di Donatello e 4 Nastri d'Argento; dal 2018 è il presidente di Acmf ed è autore sempre con Aldo De Scalzi della colonna sonora del film Il silenzio grande di Alessandro Gassmann, in proiezione fuori concorso proprio a Venezia 78 per Le Giornate degli Autori), Alessandro Molinari (reduce dal recente successo della commedia cinematografica Addio al Nubilato diretta da Francesco Apolloni con Laura Chiatti, Antonia Liskova, Chiara Francini e Jun Ichikawa).

Presente anche Stefano Caprioli che a Venezia ci è nato, e che dal 1988 produce musica per cinema, teatro e tv, attraversando ogni genere musicale e collaborando con i principali registi degli ultimi anni; ottima è la sua conoscenza nell’ambito dell’orchestrazione sinfonica, e grande la sua esperienza nel campo informatico applicato alla musica; si ricorda anche la sua lunga collaborazione con Nicola Piovani.

Hanno annunciato nel parterre la loro presenza anche Francesco Verdinelli, Ginevra Nervi, Marco Fedalto. L’appuntamento è per mercoledì 8 settembre alle ore 18:30 presso Isola Edipo – Spazio GdA. L’iniziativa avrà il patrocinio dell’Annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi; la mediapartnership delle riviste di GP Mgazine e +Magazine; il supporto di Eurocomunicazione.eu ed Eurocomunicazione.com

“Acmf – dice all'Adnkronos/Labitalia il presidente Pivio – sbarca al Lido di Venezia per un primo incontro ufficiale all'interno delle manifestazioni collegate alle Giornate degli autori. E' un'occasione assai importante e simbolica perché, a quattro anni dalla nascita di tale associazione che conta al suo interno numerosi premi Oscar, David di Donatello, Nastri d'argento e tanti altri riconoscimenti internazionali, non si erano ancora create le condizioni affinché ciò avvenisse. Recentemente le varie figure autoriali di un film (soggettista, sceneggiatore, regista e, naturalmente, compositore) si trovano impegnati in un fronte comune per la difesa dei pesanti attacchi al diritto d'autore e nell'affrontare la rivoluzione del settore, accelerata dall'avvento delle piattaforme digitali e dalle corrispondenti logiche produttive e distributive. La figura del Compositore, troppo spesso ingiustamente annoverata come un'entità autonoma e felice, ha probabilmente risentito di questi attacchi e cambiamenti più delle altre figure autoriali".

"Durante l'incontro – sottolinea – cercheremo di raccontare quindi la nostra storia e le prospettive future alla luce dello stato dell'arte, anche in riferimento alle iniziative didattiche che stiamo mettendo a punto in una logica più ampia di rinascita culturale del nostro paese. Nell'occasione ufficializzeremo anche l'ingresso in Acmf del maestro Dario Marianelli, premio Oscar per Atonement (Espiazione)".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli