Mostra Venezia: carte, giochi di società e ombrelli colorati, ecco come i teenager aspettano Chalamet

(Adnkronos) - Alcuni hanno le carte e una coperta improvvisata che funge da tavolo da gioco, altri la dama, qualcuno gli scacchi, altri ancora delle semplici riviste per ingannare il tempo. Quasi tutti sono dotati di ombrelli colorati per ripararsi dal sole cocente, che non sfibra neanche un po’ il loro entusiasmo. E’ l’equipaggiamento delle centinaia di teenagers arrivati a Venezia per vedere, anche per un attimo, il loro idolo Timothée Chalamet sfilare sul red carpet del Lido. Davanti al Palazzo del Cinema una distesa colorata e scenografica di giovani che si fanno ombra a vicenda, scherzano, alcuni fanno amicizia. “Veniamo da Lecce, abbiamo fatto 13 ore di treno”, dice all’Adnkronos una ragazza. “Siamo di Rieti, ma non ci ha fermato nulla”, aggiungono due amiche lì affianco. C’è chi ha in mano le foto dell’attore, chi un diario scolastico dove spera di farsi fare l’autografo, e tutti -nessuno escluso- sono dotati di telefonino per fissare nella memoria lo ‘storico’ momento. La star francese, indubbiamente sinora la più attesa al Lido, solcherà il tappeto rosso insieme al regista e al cast prima della proiezione ufficiale in Sala Grande di ‘Bones and All’ di Luca Guadagnino, il primo film italiano a passare in Concorso alla Mostra di Venezia.