Mostre: 'Decades of dissen' di Shepard Fairey 'riapre' in forma virtuale su Lieu.City

·1 minuto per la lettura
Mostre: 'Decades of dissen' di Shepard Fairey 'riapre' in forma virtuale su Lieu.City
Mostre: 'Decades of dissen' di Shepard Fairey 'riapre' in forma virtuale su Lieu.City

Roma, 16 dic. (Adnkronos) – La mostra dell'artista statunitense Shepard Fairey '3 'Decades of dissen', riapre in forma virtuale grazie alla piattaforma Lieu.City. L'esposizione, allestita alla Gnam d’Arte Moderna di Roma e chiusa a novembre causa dell'emergenza sanitaria è visitabile gratuitamente da oggi a fine marzo sulla nuova piattaforma www.lieu.city. Presenta un progetto espositivo curato dallo stesso Shepard Fairey, urban artist tra i più conosciuti al mondo, noto al grande pubblico come Obey, insieme a Claudio Crescentini, Federica Pirani e la galleria Wunderkammern.

Sperimentatore di linguaggi, stili e messaggi politici tramite l’arte, l’artista statunitense Shepard Fairey (Charleston, 1970) ha voluto creare un concept unico e irripetibile appositamente per la Galleria d’Arte Moderna, presentando trenta sue recenti opere grafiche inedite (2019) – con cui ripercorre molti dei suoi temi di dissenso, come la lotta per la pace e contro la violenza razziale, la difesa della dignità umana e di genere, la salvaguardia dell’ambiente – in dialogo con importanti opere della collezione d’arte contemporanea della Sovrintendenza Capitolina.