Mostre, Jaguar porta ad Artissima 10 giovani talenti con 'Sustainable Revolution'

·2 minuto per la lettura

Con l'edizione 2021 si conferma il legame fra Jaguar e Artissima, la fiera internazionale d’Arte Contemporanea di Torino, in calendario dal 5 al 7 novembre: una partnership che vedrà la tappa finale dell’ambizioso e innovativo progetto artistico JaguArt - The Italian Talent Road Show, nato nel 2019 per promuovere e supportare i giovani talenti delle arti visive sul territorio italiano. Dopo lo stop dovuto alla pandemia e gli eventi tenutisi tra il 2019 e il 2020, tra cui gli ultimi appuntamenti estivi in un tour presso 8 gallerie delle principali città italiane, a Torino sarà decretato il vincitore assoluto di JaguArt nel corso della ventottesima edizione della fiera domenica 7 novembre, ultima tappa di questo viaggio, iniziato con l’individuazione di 10 artisti, uno per ciascuna tappa, e l’attivazione di un programma di incontri speciali nelle gallerie madrine e nelle concessionarie Jaguar in tutta Italia.

La presenza di Jaguar ad Artissima si articolerà su diversi livelli, a iniziare dall'esposizione sotto alla vetrata dell’Oval (Lingotto Fiere) della I-Pace, il luxury Suv 100% elettrico customizzato ad hoc per l’occasione, con una livrea dedicata. La mostra collettiva dal 5 al 7 novembre sarà ispirata dal tema Sustainable Revolution e raccoglie le opere sperimentali di tutti i giovani talenti finalisti di JaguArt uniti dalla volontà di promuovere il cambiamento di pensiero, non solo legato al mondo della mobilità automotive, ma esteso a 360° verso scelte etiche e sostenibili per un futuro migliore.

E' un progetto espositivo collettivo - quello di Sustainable Revolution - che va in parallelo con il percorso intrapreso dal brand Jaguar negli ultimi anni, per promuovere una mobilità futura sempre più sostenibile e green. Gli artisti presenti a Torino sono Matteo Pizzolante con 'Silent Sun', Luca Arboccò con 'L’osservazione dei corpi celesti', Francesco Tagliavia con 'Glomerated #1, #2, #3', Camilla Gurgone con 'Metodologia dell’imbroglio – bigliettini', Boris Contarin con 'Erscheinung', Stefano Giuri con 'The Bad King', Marco-Augusto Basso con 'La Rivoluzione è la rivoluzione', Teresa Gargiulo con 'Ruenmp: how to build it', Camilla Riscassi con 'Temo sia un addio' e Federica Francesconi con 'Untitled'.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli