Mostre: retrospettiva del fotografo francese 'Robert Doisneau' all'Ara Pacis di Roma

(Adnkronos) - "Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere". Così scriveva il grande fotografo francese Robert Doisneau. Ora i suoi scatti verranno celebrati nella grande retrospettiva omonima, "Robert Doisneau", che Roma gli dedica.

La rassegna sarà presentata domani a Roma dall'assessore capitolino alla Cultura Miguel Gotor e dal curatore Gabriel Bauret nell'Auditorium del Museo dell’Ara Pacis, in via di Ripetta 190.

Oltre 130 le stampa -provenienti dalla collezione dell’Atelier Robert Doisneau a Montrouge- che saranno esposte all'Ara Pacis fino al 4 settembre prossimo. Nato a Gentilly il 14 aprile 1912 e scomparso a Parigi il primo aprile 1994, Doisneau è stato un fotografo appartenente alla cosiddetta "Fotografia umanista". Tutti ricordiamo la celebre immagine dei due innamorati per strada, che entrò nella storia col titolo "Il Bacio davanti all'hotel De Ville". Era il 1950 e ritrae una giovane coppia che si bacia appassionatamente in mezzo ai passanti di Parigi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli