Mostro di Loch Ness, svelata la verità sulla sua esistenza

Nessie, il famoso mostro del lago di Loch Ness, non sarebbe né un drago né un dinosauro marino, ma forse soltanto "un'anguilla gigante".

E' questo quanto è stato rivelato da un gruppo di studiosi neozelandesi che, dopo aver prelevato ed analizzato alcuni campioni di Dna dal lago scozzese, sarebbero giunti alla conclusione che nelle acque in questione non vi sarebbero animali di grandi dimensioni. La leggenda del mostro, avvistato per la prima volta nel 1930, ha fatto accendere le luci dei riflettori sulla valle del Great Glen che negli ultimi anni è salita alla ribalta della cronaca per il mistero dietro a Nessie. Oggi però, a quasi 90 dal primo presunto avvistamento, arriva una risposta alla domanda che tutti da anni si pongono: il leggendario mostro esiste?

Guarda anche - Messi o Nessie? Era il 2016, la risposta del tecnico del Celtic spiazzò tutti

Secondo lo studio prima citato, di cui ne dà notizia la CNN, Nessie non sarebbe altro che un'anguilla gigante in quanto nel lago non vi sarebbero degli animali di grandi dimensioni quanto quelle descritte negli avvistamenti del mostro. "Non abbiamo trovato alcuna prova della presenza di una creatura anche lontanamente legata al plesiosauro, quindi, mi dispiace ma un'idea del genere non regge", le parole del genetista dell'università neozelandese di Otago Neil Gemmell.

LEGGI ANCHE - Nessie, ecco il piano scozzese

"C'è invece la presenza - aggiunge Gemmell - di una quantità molto significativa di anguille. I nostri dati non rivelano le dimensioni, ma la stessa quantità del Dna ritrovato non ci fa escludere la presenza di anguille giganti, che potrebbero essere state scambiate per il mostro".

LEGGI ANCHE - Donna incinta morsa da una vipera