Mosul, per la Croce Rossa usate armi chimiche contro civili

Si combatte villaggio per villaggio, casa per casa. Una situazione umanitaria ormai drammatica quella di Mosul dove si è passati anche all’uso di armi chimiche contro i civili. Mentre l’esercito iracheno avanza per strappare agli jihadisti dell’Isil la città, migliaia di persone sono in fuga dalla zona ovest.

#Iran #News Red Cross says chemical weapons used near Mosul https://t.co/udqS0UAvyP pic.twitter.com/ugFaDNyhJF— P.M.O.I (@Mojahedineng) March 3, 2017

“Un colpo di mortaio ha colpito la nostra casa proprio all’interno del salone dove eravamo seduti. C’era un cattivo odore, come una specie di gas. I miei figli sono stati colpiti, parti del corpo bruciate, avevano difficoltà a respirare, lesioni da schegge su tutto il corpo”, racconta un uomo.

Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr), sette civili, cinque bambini e due donne, sono stati ricoverati negli ultimi due giorni con sintomi che fanno pensare all’esposizione ad un agente tossico chimico.

#Iran #News Mosul victims treated for chemical agents as displacement accelerates https://t.co/BPUSuvYZRm pic.twitter.com/1WDVwuO1uQ— P.M.O.I (@Mojahedineng) March 3, 2017

Intanto nella roccaforte dell’autoproclamato Stato islamico cominciano a mancare cibo acqua e cure mediche. La gente stremata da condizioni al limite e dalla guerra in corso è costretta a fuggire. Sono oltre 46.000 gli sfollati da quando, la settimana scorsa, le forze governative irachene hanno lanciato una nuova offensive contro i miliziani dell’Isil. Una situazione che potrebbe peggiorare con l’avanzata dei governativi nei quartieri più popolati di Mosul.

Too many people are barefoot leaving #Mosul. Terrible situation in the rain. #Iraq. #ISIS pic.twitter.com/7rIEerPW0x— Nabih (@nabihbulos) March 4, 2017

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità