Moto: Ancma, mercato stabile a giugno, +53,5% I semestre

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 2 lug. (Adnkronos) – Non si ferma il desiderio di due ruote degli italiani. Il mercato nazionale di ciclomotori, scooter e moto continua la sua serie positiva e dimostra anche a giugno una consistente vitalità. I dati delle immatricolazioni del mese diffusi oggi da Confindustria Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo accessori) descrivono un aumento complessivo del 34,9% sul 2019. Stabile l’andamento sullo stesso mese del 2020 (-0,3%), anno contraddistinto da chiusure della rete di vendita, limitazioni negli spostamenti e importanti rimbalzi di mercato proprio nel periodo estivo.

Il presidente dell’associazione dei costruttori Paolo Magri, commentando il trend di mercato, ha parlato di "una sorta di stato di grazia per tutta la mobilità su due ruote, che tuttavia deve fare i conti ancora con alcuni problemi di approvvigionamento dei veicoli dovuti alla mancanza di componenti e alla situazione internazionale dei trasporti navali. Per passione, desiderio di libertà e ripartenza e anche per i vantaggi indiscutibili che le due ruote assicurano nella mobilità quotidiana registriamo un grande interesse attorno ai prodotti della nostra industria e questo, dopo un anno di stop, consegna a Eicma, l’evento espositivo internazionale del settore che si terrà proprio a Milano il prossimo novembre, un grande valore simbolico e pratico proprio per la sua storica capacità di raccogliere e valorizzare l’attenzione degli appassionati e del comparto", aggiunge.

"È evidente che il peso specifico delle due ruote sia cresciuto nell’ambito della mobilità, non solo urbana, ed è quindi necessario che le nostre istanze salgano con maggiore attenzione nell’agenda politica delle istituzioni e del legislatore", conclude

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli