MotoGp Catalogna: vince Oliveira, secondo Zarco su Ducati Pramac

·2 minuto per la lettura
Zarco (Ducati Pramac), secondo al GP di Catalogna - FOTO Alex Farinelli
Zarco (Ducati Pramac), secondo al GP di Catalogna - FOTO Alex Farinelli

Gara spettacolare sul circuito di Barcellona, settima tappa del Mondiale 2021 di MotoGp. Tra cadute e colpi di scena, a tagliare per primo il traguardo è stato Miguel Oliveira (KTM). Da applausi la prestazione di Johann Zarco, secondo su Ducati Pramac (di cui Yahoo è main sponsor) e di Jack Miller (terzo con la sua Ducati).  

SFOGLIA LA GALLERY: MotoGP Catalogna: le immagini della gara della Ducati Pramac

Incredibile finale per Quartararo, arrivato quarto: la tuta si è aperta e il pilota Yamaha è stato costretto a chiudere la gara a 350 km/h letteralmente a petto nudo. 

Quinto posto per il campione iridato Mir, seguito dall'altra Yamaha di Vinales e da Pecco Bagnaia, solo settimo. 

Tra i primi dieci anche Binder, Franco Morbidelli ed Enea Bastianini. Vanno a punti tutti gli altri piloti rimasti in pista: 11° Alex Marquez, 12° Marini, 13° Nakagami con Martìn e Savadori che chiudono la classifica.

A terra alla curva 10, a 8 giri dal termine, Valentino Rossi. Cadono anche M. Marquez, i fratelli Espargarò, Lecuona e Petrucci, fortunatamente senza conseguenze fisiche. 

GUARDA ANCHE - Zarco, un campione anche al pianoforte

Per Zarco si tratta dell'undicesimo podio in top-class (il quarto quest'anno): il pilota francese, 30 anni, eguaglia Gary Hocking, Andrea Iannone, Teuvo Lansivuori, Franco Uncini, Remo Venturi. In generale, la Ducati conquista il suo 170° podio nella top-class. 

"E' stata una bella gara, sono contento - ha detto Zarco - Ho perso tempo per superare Miller perché aveva tanta grinta, però è stato bello riuscire ad amministrare. Gli ultimi giri sono stato fortunato, Quartararo ha avuto dei problemi e io ho sfruttato al massimo l'occasione. E' un risultato importante anche per la classifica mondiale. Io come il Mir della scorsa stagione? Per me va bene, la vittoria arriverà quando arriverà, ma riuscire a controllare al meglio la gara dà comunque soddisfazione come fosse una vittoria".

La classifica vede Quartararo sempre leader del Mondiale con 118 punti, a +17 su Zarco. A 28 punti Miller, a 30 Bagnaia. 

GUARDA ANCHE - Zarco, il saluto per voi