Motomondiale: Bagnaia, 'nuovo telaio? Ducati sa cosa fare, sono carico per Aragon'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Misano, 7 set. – (Adnkronos) – Pecco Bagnaia ha chiuso la sua seconda giornata di test a Misano con tempi molto vicini al suo record della pista di 1:31.065, realizzando il suo miglior giro in 1:31.172. Sensazioni positive per il piemontese, che ha sperimentato un nuovo dispositivo sulla leva della frizione per migliorare lo stacco in partenza e, soprattutto, un altro telaio rispetto a quello di 24 ore prima. "Le condizioni di grip erano incredibili in questi due giorni, è stato più facile essere così veloci – ha commentato il ducatista -. Il lavoro è stato positivo, abbiamo provato cose che non porteremo avanti in questa stagione ma che rappresentano spunti interessanti per il prossimo anno".

In particolare occhi puntati sul telaio evoluzione. "Oggi ne abbiamo testato un altro – ha aggiunto -. Ci sono sempre cose positive e negative. Usiamo dal 2020 lo stesso telaio ed è normale che ti abitui a un certo tipo di sensazione: ci sono stati passi avanti, ma ci sono anche aspetti su cui lavorare. In ogni caso Ducati sa cosa deve fare".

Infine chiusura sul finale di campionato e sul prossimo appuntamento ad Aragon, dove Pecco ha trionfato la scorsa stagione. "Sono carico per questo finale, arrivo ad Aragon con la stessa mentalità delle ultime gare: cercherò di lavorare senza la pressione di dover fare bene per forza. L’anno scorso siamo andati forte e quest’anno, con gli step che abbiamo fatto, potremmo essere ancora più veloci".