Mottarone, a novembre 2020 l'ultima verifica sulla fune: "È integra"

·2 minuto per la lettura
(Handout photo by Italian National Alpine and Speleological Rescue Corps via Getty Images)
(Handout photo by Italian National Alpine and Speleological Rescue Corps via Getty Images)

Indipendentemente dalla questione, gravissima, dei freni della funivia, l'indagine sulla tragedia del Mottarone che ha provocato la morte di 14 persone lo scorso 23 maggio si sta concentrando sulla rottura della fune che traina le cabine da una stazione all'altra della montagna. Il vero dubbio, adesso, continua infatti ad essere: come ha fatto rompersi?

A mettere insieme i pezzi è la Procura di Verbania. È invece il Corriere della Sera a riportare, passo dopo passo, come funzionano le verifiche sulla funzionalità fune in questione. 

C'è, innanzitutto, una prima operazione che dovrebbe avvenire quotidianamente: il controllo a vista (quindi posizione e rumori sospetti). Poi c'è un esame più accurato sullo stato delle varie componenti dell'impianto (cavo, pulegge, centralina), e questo dovrebbe avvenire una volta al mese. 

VIDEO - Mottarone, "una scelta deliberata" dietro lo schianto della cabina della funivia

Il check-up vero e proprio, quello più approfondito, dovrebbe essere eseguito una volta all'anno. L'ultimo è avvenuto il 5 novembre 2020 ad opera dell'azienda torinese Sateco. I tecnici, come da prassi, hanno rilevato le condizioni della fune con dei calamitoni. L'obiettivo, in questi casi, è di rilevare la percentuale deteriorata di metallo. "Tutto ok, fune integra", concludeva allora il report di Sateco.

Allora stesso modo, come previsto dalle norme sugli impianti a fune, anche la cosiddetta "testa fusa", cioè la parte terminale della fune, è stata sostituita il 22 novembre 2016 dalla Leitner di Vitipeno e sarebbe dovuta essere nuovamente cambiata fra sei mesi

VIDEO - Ecco cosa resta della cabina precipitata sul Mottarone

Insomma, dai numeri dei controlli effettuati in questi anni non emerge nulla di allarmante. Ma ricorda il Corriere: "C’è però un precedente che un po’ inquieta: il ponte Morandi. Anche in quel caso le relazioni sfornavano percentuali da struttura in salute. Avevano però un difetto: erano false".

VIDEO - Tragedia in funivia, i precedenti più gravi nel mondo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli