Mottarone, lo sfogo della nonna di Eitan: “Non mi hanno fatto partecipare all’udienza”

·1 minuto per la lettura
Strage del Mottarone
Strage del Mottarone

Grande tensione dopo l’udienza che si è tenuta presso il tribunale della famiglia di Tel Aviv per fare luce sulla strage del Mottarone. A tal proposito è intervenuta Ester Coen Peleg, la nonna materna del piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla triste vicenda che ha colpito la funivia che collega Stresa e Mottarone

Strage del Mottarone, le parole della nonna di Eitan

La donna ha parlato davanti agli organi d’informazione per raccontare quanto accaduto. “L’Italia è responsabile della morte di mio padre, mia figlia e mio nipote. Non possono prendere anche Eitan” ha dichiarato la donna dopo aver ricevuto il “no” alla partecipazione per il dibattimento in aula.

Strage del Mottarone, lo sfogo della nonna di Eitan

La nonna ha spiegato di essere fuori dall’aula per la decisione di un giudice in Israele. “Siccome non era ammesso al console italiano di entrare in aula, ha negato il permesso anche a me. Io sono la nonna“, ha sottolineato Ester Cohen Peleg.

Strage del Mottarone, la ripresa dell’udienza è fissata per sabato 9 ottobre 2021

Nel frattempo è prevista la ripresa dell’udienza nella serata di sabato 9 ottobre 2021, proprio al termine del riposo ebraico. Attualmente nessuna delle parti ha voluto commentare quanto accaduto di recente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli