Mucci (Bioscience Institute): intercettare i driver dei tumori

·1 minuto per la lettura
featured 1518725
featured 1518725

Milano, 27 set. (askanews) – Un modello di prevenzione che supera quelli tradizionali perché intercetta analizza e tratta le condizioni fisiologiche che portano allo sviluppo dei tumori solidi. E’ l’innovazione che ha portato la Bioscience Genomics, spin off universitario partecipato da Bioscience Institute e dall’Università Tor Vergata di Roma, al riconoscimento di migliore startup nell’ambito della “Giornata Qualità Italia Premi Leonardo”. “Abbiamo individuato attraverso i nostri test quelli che sono i driver che determinano lo sviluppo del tumore, li abbiamo resi misurabili e quantificabili – spiega Giuseppe Mucci, Ceo di Bioscience Institute – Tutto ciò ci permette di portare la persona ad intercettare tutte le manifestazioni che precedono lo sviluppo del tumore e gestirle prima ancora che il tumore si sia formato. Ciò si basa su un algoritmo da noi sviluppato e brevettato e su uno studio scientifico pubblicato sulla rivista internazionale Cell Death & Disease”.

Sulla scorta dei risultati ottenuti Bioscience Genomics guarda ora ai mercati e agli investitori internazionali per dotarsi delle risorse necessarie per lo sviluppo dell’innovazione raggiunta. “I prossimi passi saranno spostare l’asset nella silicon valley – conferma Mucci – puntare al mercato americano, e da quello estenderci al resto del mondo. Stiamo pianificando inoltre la quotazione la Nasdaq entro un anno, un anno e mezzo”.

Dopo lo stop imposto dalla pandemia di Covid -19, la “Giornata Qualità Italia” si è svolta Roma nel settembre 2021 con la consegna dei Premi Leonardo per 2019 alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli